Ansia e Attacchi di panico

I compagni pesanti delle mie giornate

Spesso l'aiuto che mi viene chiesto riguarda sintomi legati all'ansia, siano essi vissuti dai bambini che dagli adolescenti o dagli adulti.

Chi ne soffre racconta di sperimentare sia sensazioni corporee (come ad esempio la tachicardia, i sudori freddi, il nodo alla gola, il tremore), che vissuti psicologici (quali ad esempio la paura di avere un attacco di ansia, la sensazione di non farcela, il bisogno di stare in luogo sicuro).

image-2

Quando l'ansia arriva, solitamente la persona che ne soffre è in grado di diagnosticarne i sintomi e ciò gli permette di anticiparne la manifestazione.

A volte, questo anticipare è proprio la goccia che fa traboccare il vaso e che aiuta lo svilupparsi dell'attacco d'ansia vero e proprio.

Altre volte, la persona associa situazioni, persone, luoghi, al sintomo ansiogeno, per cui anche solo l'idea di vivere una situazione, stare con una persona o andare in un luogo, permette lo svilupparsi dell'ansia.

L'ansia può essere associata a particolari circostanze.

Gli adolescenti e gli adulti che mi chiedono aiuto spesso raccontano di provare ansia in relazione a momenti critici della vita, ad esempio il superamento degli esami, l'affrontare una laurea, il trovare un lavoro.

image-49Raccontano la loro sofferenza legata alla sensazione di non farcela, al pensiero di non essere in grado di affrontare certe cose e descrivono uno stato di malessere dove non solo è presente l'ansia ma anche depressione e bassa autostima.

A volte, l'ansia è legata a qualcosa di particolare, che può manifestarsi come un leggero malessere o una vera e propria fobia specifica.

Nei bambini e negli adolescenti, ad esempio, può essere la fobia scolare.

Quando l'ansia viene vissuta in modo forte, invalidante, come qualcosa che non si riesce a controllare, che dà la sensazione di non farcela, il pensiero di morire, siamo di fronte ad un attacco di panico.

In ognuna di queste situazioni la terapia psicologica è di fondamentale importanza.

Il poter parlare con lo psicologo, trovare uno spazio di ascolto per condividere il malessere legato all'ansia è un passo fondamentale per la risoluzione dei sintomi.

La terapia aiuta anche a capire le cause che provocano gli stati di ansia, l'origine del malessere, il modo di vivere le relazioni, lo stare con gli altri, la capacità di tollerare la solitudine, per poter sciogliere il nodo che causa l'ansia o l'attacco di panico.

Una volta capito e sciolto il nodo, la sintomatologia ansiosa si dissolve in automatico. Ne sono prova proprio l'esperienza riportata dai pazienti che, nel corso della terapia, raccontano di trovare sollievo, maggiore tranquillità, serenità, di aver adottato un nuovo modo di affrontare le cose, gli eventi, gli altri.